Archivi categoria: Supporters’ Trust

fcum

Fc United of Manchester – Against Modern Football

“In un mondo ideale, i club calcistici apparterrebbero ai loro tifosi.”

FC UNITED OF MANCHESTER, un club fondato cinque anni fa da un gruppo di tifosi del Manchester United scontenti dell’ingresso del miliardario americano Malcolm Glazer nell’assetto azionario del club. “E‘ stato il motivo finale che ci ha incoraggiato a fare il grande passo, ma ce ne sono stati molti di più. Capiamo che il calcio moderno al massimo livello, si è allontanato dai tifosi normali … Così abbiamo deciso di riconquistare la purezza del calcio”, spiega Alison Watt, un membro del consiglio di United FC, che ha iniziato a giocare nel campionato delle contee nord-ovest di Inghilterra e ora lo fa alla settima categoria nazionale, più o meno equivalente al Preferente in Spagna, che è venuto dopo tre promozioni. Tre colpi a cui non si è potuto aggiungere il passaggio al terzo turno della Coppa: la notte scorsa è stato eliminato 0-4 dal Brighton, un “osso duro” di quello che sarebbe la Segunda B spagnola (la Lega Pro in Italia). Vincendo, il prossimo avversario sarebbe stato il Portsmouth. “Sarebbe stato come una strizzatina d’occhio degli dèi perché è sceso dalla Premier League per i suoi problemi finanziari” raccontano i volontari del FC United, che gioca sul campo Gigg Lane, alla periferia di Manchester. Continua a leggere

st-pauli

St. Pauli. Quando la gente diventa protagonista.

La storia del Club totalmente in mano ai suoi tifosi che diventano finalmente protagonisti attivi. Non parliamo solo di calcio, parliamo di uno stile di vita che si traduce in impegno sociale verso la gente del quartiere, in particolare verso le nuove generazioni. Il tutto condito da rivoluzionarie strategie di marketing. Per chi non lo conoscesse, questo è il St. Pauli.

Ma andiamo con ordine. Continua a leggere

copertina

Calcio, la lezione della Lega Pro: i tifosi diventano proprietari delle squadre

Razzismo e squalifiche, proteste e ricatti: il caso della chiusura di San Siro per i cori di “discriminazione territoriale” ha scatenato il caos in serie A, con gli ultrà che minacciano di far chiudere tutti gli stadi, e i presidenti che parlano di “società in ostaggio”. Ma mentre ai piani alti del mondo del pallone si consuma la frattura fra tifosi, club e istituzioni, il calcio italiano prova a ripartire dal basso: in Lega Pro le tifoserie organizzate diventano proprietarie delle loro squadre. O almeno di una piccola parte delle quote societarie. Continua a leggere

SinC_LegaPro

Evento Supporters in Campo – Lega Pro del 7 ottobre 2013. Il coinvolgimento attivo dei tifosi nella proprietà e nei processi decisionali delle società

In data 7 ottobre 2013, ha avuto luogo un importante dibattito nel contesto del convegno promosso congiuntamente da Supporters in Campo e Lega Pro dal titolo “Supporters’ trusts, Lega Pro: occasione per un nuovo rapporto Club e tifosi. Anche in Italia da oggi si può, per un progetto di gestione del calcio moderno”, convegno al quale hanno partecipato Supporters Direct Europe (organizzazione pan-europea di tifosi alla quale Supporters in Campo è affiliata), la FIGC, la Lega Nazionale Dilettanti, l’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive, il CONI, la Scuola Superiore di Polizia, numerosi Club di Lega Pro, i supporter trust e alcuni Club di Lega Nazionale Dilettanti.  Continua a leggere