Letto 90  volte

Comunicato SinC

Il progetto Super League – nato e abortito (??) in sole 48 ore – ha generato un acceso dibattito nel mondo del calcio. La sconfitta (momentanea?) dei 12 super club ci viene raccontata dai media come una vittoria del “calcio popolare”, perché “il calcio è della gente”. Ma è davvero così? A nostro parere decisamente no; il calcio moderno segue logiche di profitto e spesso l’unico ruolo previsto per il tifoso è quello di cliente-consumatore.

Riteniamo quindi che in mezzo a tanta retorica sarebbe utile ripartire dal dibattito sulla Super League per rivedere davvero il sistema calcio. Un coinvolgimento reale dei tifosi, unito ad un maggior controllo che impedisca a personaggi “chiacchierati” di riciclarsi più volte con esiti spesso nefasti, sarebbe già un buon inizio per poter parlare con ragione di “calcio della gente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *